Proseguendo la navigazione in questo sito, acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori informazioni, clicca su Informativa Europea. Accetto Salta il menu e vai ai contenuti

Retina Italia Onlus / Sede territoriale Toscana

Cerca nel sito

Cerca nel sito

Dimensioni del testo

Dimensione testo a 14 pixel Dimensione testo a 16 pixel Dimensione testo a 18 pixel | Contrasto |
Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Ottobre 2017
Ti trovi in: Home / Comunicazioni / Atri News / Falsi ciechi? No, malati...

Titolo pagina: Falsi ciechi? No, malati rari. Indagine archiviata a Latina

Archiviato il procedimento penale avviato nei confronti di una famiglia intera, accusata di truffa aggravata ai danni dello Stato, in seguito a un'indagine del 2012. Nessun falso cieco, i familiari sono colpiti da aniridia congenita, una rara patologia congenita

ROMA. Falsi ciechi? No, invalidi veri, malati rari. Così il Tribunale di Latina ha archiviato il procedimento penale avviato nei confronti di un'intera famiglia, accusata di truffa aggravata ai danno dello Stato, in seguito a un'indagine condotta nel 2012 a carico della signora Gaetana Tuccinardi e dei suoi figli.. La notizia arriva oggi dall'Osservatorio malattie rare: "la famiglia non aveva messo in atto un astuto inganno ai danni dello Stato, bensì era affetta da aniridia congenita, rara patologia genetica caratterizzata dalla formazione incompleta dell'iride. A causa di questa malattia, dovuta a una mutazione del gene PAX6 – spiega Ilaria Vacca, di Omar - anche altre parti dell'occhio, come il nervo ottico e la macula (la parte centrale della retina), possono non essere correttamente formate. Le alterazioni della struttura dell'occhio – continua - possono provocare l'insorgenza di altre patologie oculari. L'aniridia e queste condizioni associate colpiscono ciasc un individuo in modo diverso. Così, mentre alcune persone affette da aniridia sono ipovedenti o non vedenti, altre possono avere una vista quasi normale. Chi è affetto da tale condizione – ricorda Omar - è considerato un ipovedente grave e, secondo la legge 138 del 2001, è equiparato a una persona con cecità totale. Ha quindi diritto al trattamento pensionistico Inps, completo secondo quanto previsto dalla normativa vigente".
L'accusa, del tutto infondata, deriva quindi dall'inadeguata conoscenza delle patologie rare. "L'unica colpa di questi soggetti è quella di essere nati con una patologia nota come aniridia congenita, dovuta a una mutazione del Dna - spiega l'avvocato Pasquale Lattari, che ha assistito la famiglia - Peccato che la Polizia giudiziaria e la Procura di Torino, da cui partiva la richiesta, si siano dimenticati di verificare molto più semplicemente la patologia. La legge 138 del 2001 equipara le persone affette da tale malattia – noti anche come ipovedenti gravi – alla stessa categoria dei ciechi totali, che usufruiscono, a tutti gli effetti, di indennità e pensioni, o collocamento obbligatorio come centralinisti, e via discorrendo".
"Peccato – prosegue l'avvocato Lattari riflettendo sul caso – che a seguito di tali fatti, per quanto puoi pensare ed esser convinto di essere innocente e di non aver fatto nulla – e la signora Gaetana Tuccinardi lo era, come possono testimoniare tutti i dipendenti del tribunale di Latina dove la stessa ha lavorato per anni come centralinista – viene meno il riconoscimento delle persone che ti circondano, che ti additano e ti citano. E sotto sotto anche quelli che ti stanno vicino pensano, e tu lo percepisci, che qualcosa hai fatto per meritarti tutto questo clamoreà Alla fine cedi e cadi nello sconforto. Stato d'animo che, unito alle gravi patologie da cui era ultimamente affetta, ti porta ad abbandonare ogni resistenza alla malattia e a morire". Come infatti riferisce l'Osservatorio malattie rare, nel frattempo "la signora Gaetana è mancata all'affetto dei suoi cari".


Articolo tratto dal "Redattore Sociale"

10 Luglio 2017

Versione stampa