Proseguendo la navigazione in questo sito, acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori informazioni, clicca su Informativa Europea. Accetto Salta il menu e vai ai contenuti

Retina Italia Onlus / Sede territoriale Toscana

Cerca nel sito

Cerca nel sito

Dimensioni del testo

Dimensione testo a 14 pixel Dimensione testo a 16 pixel Dimensione testo a 18 pixel | Contrasto |
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 15 Novembre 2017
Ti trovi in: Home / Comunicazioni / News / L'UE vuole bancomat e...

Titolo pagina: L'UE vuole bancomat e biglietterie a misura di disabile

La settimana prossima approda in Aula in prima lettura il testo che promuove l'accessibilità.

STRASBURGO. Prodotti e servizi, dai bancomat alle biglietterie passando per telefonia e siti web, dovrebbero essere adattati alle esigenze dei disabili. È quanto prevede il progetto normativo che sarà discusso mercoledì e votato giovedì in Plenaria al Parlamento europeo. Il provvedimento prevede che i prodotti e i servizi basilari come telefoni, bancomat, terminali di pagamento, biglietterie e macchine per il check-in dovranno essere resi maggiormente accessibili alle persone con disabilità.
Nell'Unione europea ci sono circa 80 milioni di persone che sono affette, in misura diversa, da disabilità, cifra che dovrebbe raggiungere i 120 milioni entro il 2020 a causa dell'invecchiamento della popolazione.
Nell'Atto europeo sull'accessibilità (EAA) si stabiliscono i requisiti per rendere determinati prodotti e servizi più accessibili. L'elenco comprende bancomat, biglietti e macchine automatiche per il check-in, PC e sistemi operativi, telefoni e equipaggiamenti televisivi, servizi bancari, e-books, trasporti ed e-commerce. I deputati hanno aggiunto altri elementi all'elenco, come i terminali di pagamento, i lettori e-book, i siti web e i servizi media e audiovisivi per dispositivi mobili.
Secondo il testo i requisiti sull'accessibilità dovrebbero inoltre applicarsi anche ai luoghi pubblici dove un servizio è offerto (il cosiddetto "ambiente costruito"), quali ad esempio le stazioni ferroviarie, qualora le normative nazionali non prevedessero già tale obbligo.
Il Parlamento voterà il mandato per avviare i negoziati con il Consiglio, che deve ancora concordare la sua posizione.
Sui social si potranno seguire gli aggiornamenti attraverso l'hashtag #EuropeanAccessibilityAct.


Articolo tratto da "Corriere Nazionale"

11 Settembre 2017

Versione stampa