Proseguendo la navigazione in questo sito, acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori informazioni, clicca su Informativa Europea. Accetto Salta il menu e vai ai contenuti

Retina Italia Onlus / Sede territoriale Toscana

Cerca nel sito

Cerca nel sito

Dimensioni del testo

Dimensione testo a 14 pixel Dimensione testo a 16 pixel Dimensione testo a 18 pixel | Contrasto |
Ultimo aggiornamento: Lunedì 23 Aprile 2018
Ti trovi in: Home / Comunicazioni / News / Più facile girare in città e sul....

Titolo pagina: Più facile girare in città e sul bus. Per i non vedenti una app gratuita con guida vocale

FIRENZE. Un percorso personalizzato per raggiungere la stazione, la strada più agevole per tornare a casa e poi, la possibilità di condividere la propria posizione con un numero selezionato di contatti. Arriva "Occhio della città intelligente", una nuova app che permette a persone con ridotta capacità visiva di muoversi autonomamente nelle aree urbane, sia a piedi che con i mezzi pubblici. Sviluppata dal Centro studi e ricerche per le problematiche della disabilità (Cespd) dell'Università di Firenze in collaborazione con i Lions club e i Leo club toscani, è gratuita e disponibile per i sistemi operativi Android e Ios. La app può essere utilizzata dagli ipovedenti ma anche dai non vedenti, che possono gestirla attraverso i comandi vocali e il touch screen, sfruttando i settaggi di accessibilità previsti dai normali smartphone.
Tra le diverse funzionalità dell'applicazione c'è la possibilità di controllare in tempo reale le fermate degli autobus e dei taxi più vicine. L'utente può inoltre avere informazioni su quali sono le zone wi- fi disponibili o su dove si trovano le strutture sanitarie. «I punti di forza di questo strumento risiedono nell'utilizzo degli open data messi a disposizione dall'area metropolitana di Firenze e nella riunione in una singola applicazione di tutte le informazioni utili per gli spostamenti di persone con ridotta autonomia di mobilità » spiega Sandra Zecchi, delegata al coordinamento delle attività svolte dal Cespd. «Per noi è uno splendido regalo -- afferma Antonio Quatraro, presidente regionale dell'Unione italiana ciechi -- per chi non vede muoversi in città è u n'avventura, per fortuna la tecnologia ci rende la vita meno difficile. È bello che i giovani mettano il loro sapere a servizio dei meno fortunati».


Articolo di Valeria Strambi e tratto da "La Repubblica"

5 Febbraio 2018

Versione stampa