Proseguendo la navigazione in questo sito, acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori informazioni, clicca su Informativa Europea. Accetto Salta il menu e vai ai contenuti

Retina Italia Onlus / Sede territoriale Toscana

Cerca nel sito

Cerca nel sito

Dimensioni del testo

Dimensione testo a 14 pixel Dimensione testo a 16 pixel Dimensione testo a 18 pixel | Contrasto |
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 15 Novembre 2017
Ti trovi in: Home / Comunicazioni / Atri News / Cecità evitabile: "sensibilizzazione"...

Titolo pagina: Un portale a misura di disabile Con hotel e bagni attrezzati per lui

VERSILIA accessibile: un progetto a tutto tondo per i disabili che vengono in vacanza. "Un progetto importante che cerca la collaborazione di tutti, perché i passi importanti vanno fatti insieme". Questa è la filosofia di Luca Della Latta (nella foto), segretario della Uildm, Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare della Versilia, che in questi mesi ha stilato un progetto per creare un portale dove poter trovare tutte le informazioni importanti per persone con qualsiasi tipo di disabilità che vogliono venire in vacanza in versilia. In collaborazione con il Consorzio di Promozione Turistica della Versilia, che metterà a disposizione il portale, e l'associazione HandySuperabile, che ha già censito gli Hotel e Stabilimenti Balneari di Viareggio e Forte dei Marmi, si creerà una sinergia per censire l'intera Versilia con i rimanenti comuni mancanti. Sul portale si troveranno in modo chiaro e suddivisi per comune l'elenco di tutti gli hotel, degli stabilimenti balneari, delle attività da svolgere come cinema, teatri, escursioni in montagna, musei e ristoranti. Saranno presenti anche i contatti delle associazioni di volontariato del territorio per eventuali aiuti durante il soggiorno in Versilia come il trasporto, eventuali fisioterapie o il prestito di ausili. A disposizione ci sarà anche un metodo di segnalazione per eventuali problemi riscontrati o di segnalazione per realtà non presenti sul portale. Molteplici i contatti già presi, dai balneari di Marina di Pietrasanta e di Lido di Camaiore alle associazioni di volontariato per fare un lavoro il più completo possibile.


Articolo tratto da "La Nazione"

10 Luglio 2017

Versione stampa