Retina Italia Forum

Torna alla Home Page del Forum


SEI UN UTENTE NON REGISTRATO.

Se vuoi partecipare alla discussione clicca su accedi al Forum oppure, se ancora non l'hai fatto, registrati adesso. Per un corretto utilizzo di questo servizio, invitiamo i nostri gentili utenti, a consultare le norme del regolamento. Grazie!



TITOLO DISCUSSIONE: LEVODOPA PER ATROFIA DEL NERVO OTTICO
PROPOSTA DA: POTO66
PUBBLICATO IL (giorno e ora): 02/05/2018 15:16:05

IL SUO MESSAGGIO: BUON GIORNO CHIEDEVO INFORMAZIONE SUL DOTTOR CiccariniCarmine di perugia se avete qualche informazione buona giornata a tutti



INTERVIENE: Brillo
PUBBLICATO IL (giorno e ora): 30/09/2018 19:40:52

LA SUA RISPOSTA: Anche io sarei interessato a questa terapia ed ai suoi effetti! Grazie



INTERVIENE: POTO66
PUBBLICATO IL (giorno e ora): 01/10/2018 12:47:01

LA SUA RISPOSTA: Brillo le lascio la mia email per un contatto silialbertino@gmail.com



INTERVIENE: Enza 58 ben
PUBBLICATO IL (giorno e ora): 12/11/2018 16:16:16

LA SUA RISPOSTA: Vorrei sapere, di più su questa terapia. Ha ottenuto risultati su atrofia del nervo ottico?



INTERVIENE: Varo
PUBBLICATO IL (giorno e ora): 13/11/2018 11:44:24

LA SUA RISPOSTA: Ciao a tutti, non intendo rispondere a nessuna delle domande presenti, ma vorrei stimolare alcune riflessioni: Non si crede che se servisse per il nervo ottico, non verrebbe usata correntemente? L dopa: da quì, la dopamina . Usata nel morbo di Parkinson ,perchè riesce ad entrare nel cervello e svolgere funzioni utili al malato, Tanti anni fa si pensava potesse aiutare la retina ,per avere una funzione di protezione dagli effetti negativi dei raggi solari sulla retina ,perchè nelle malattie retiniche spesso viene a mancare la dopamina come protettivo. Ne ho fatto uso per un certo tempo, ma a fronte di problemi gastrici, non ho trovato riscontri di utilità a livello visivo . Come consiglio direi che prima di assumere farmaci attivi ,si consultino medici . Anche perchè i farmaci possono creare problemi : ad esempio, una brusca sospensione di dopamina può, poi, creare effetti nocivi . Insomma, informatevi prima dai medici oculisti . Varo



INTERVIENE: POTO66
PUBBLICATO IL (giorno e ora): 14/11/2018 09:30:02

LA SUA RISPOSTA: io parlo per esperienza diretta purtroppo non facciamo nessun tipo di illusione per l'atrofia del nervo ottico non c'è nulla l'unica cosa che vi posso dire che il processo che porta alla cecità completa è molto lungo nel caso di mio padre è durato una 15 di anni prima che diventasse cieco completamente è abbiamo provato tutto ma per il nervo non c'è niente da fare.... un saluto a tutti



INTERVIENE: Varo
PUBBLICATO IL (giorno e ora): 15/11/2018 09:07:08

LA SUA RISPOSTA: Le illusioni non risolvono il problema. Però, anche tirare i remi in barca,non risolve . Dove si siano perdute fibre nervose o fotorecettori,,le speranze rimangono solo nelle staminali . Ma, questo è un campo per ricercatori che sono poco incoraggiati . Facciamo molto uso della statistica per determinare lo stato delle cose . Cosa accade? Un esempio: la iapb si adopera per prevenire la cecità, specialmente contro il glaucoma . Scoprirlo precocemente, permette di contrastarlo più efficacemente anche se si rallenta e basta. Ma, se ci mettiamo a fare calcoli matematici ,l'insieme dei rallentamenti ,in una realtà complessiva, si traduce in un numero minore di ciechi ,semplicemente per effetto dei decessi che nel frattempo avvengono : Non siamo eterni. La riduzione del numero dei ciechi ,porterà risparmi anche per lo stato . Pertanto ,invece di essere la guarigione a far migliorare il bilancio economico, saranno i decessi ed i rallentamenti a migliorare il quadro generale. Personalmente mi oppongo a questo tipo di logica : giusto prevenire . Ma dove la prevenzione non funziona, si devono trovare rimedi . Ma, per questi si devono fare ricerche ,perchè non abbiamo altre cose. Diciamo, allora ,che si mettano soldi nelle ricerche ,invece che in missili I missili servono per la sicurezza? No, per la sicurezza serve il buon senso che, se fosse comune a tutti dirotterebbe gli impegni verso il servizio della salute e contro la povertà. Varo.



INTERVIENE: POTO66
PUBBLICATO IL (giorno e ora): 15/11/2018 09:49:33

LA SUA RISPOSTA: hai ragione a dire che le illusioni non risolvono il problema e nemmeno questione di tirare i remi in barca ti posso garantire che ho girato il mondo per mio padre.. le staminali ? a oggi cosa c'è di concreto?mi pare nulla il mio messaggio è semplicemente di non alimentare false speranze e ne posso parlare per esperienza diretta purtroppo.. Un oculista serio oggi ti dice che non ci sono cure per l'atrofia del nervo ottico.



INTERVIENE: Varo
PUBBLICATO IL (giorno e ora): 15/11/2018 11:05:20

LA SUA RISPOSTA: Ad oggi non ci sono staminali? Studiarci e fare ricerche? Le ricerche e gli studi, sono false speranze?Allora i remi sono già tirati in barca. Non occorre finanziare le ricerche, basta non pensarci e i problemi spariscono tutti.Ma, se al momento non esiste niente , non potrebbe essere perchè i ricercatori vanno verso richieste più promettenti? Io propongo di incoraggiare i ricercatori , magari abbattendo paletti pseudoetici,per non escludere le embrionali che qualcuno pensa anch'ora che per averle si debbano uccidere embrioni , mentre non è vero. D'altra parte solo le embrionali possono ricreare gli elementi distrutti . Può servire anche la correzione genica dove il problema è di origine genica e si sia in tempo per fermare le degenerazioni . Per non finire nelle false speranze ,non dobbiamo rivolgerci ai ciarlatani . Ma, i ricercatori seri, non sono ciarlatani , non offrono, ma studiano : lo studio non è un prodotto finito. Varo.