Proseguendo la navigazione in questo sito, acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori informazioni, clicca su Informativa Europea. Accetto Salta il menu e vai ai contenuti

Retina Italia Onlus / Sede territoriale Toscana

Cerca nel sito

Cerca nel sito

Dimensioni del testo

Dimensione testo a 14 pixel Dimensione testo a 16 pixel Dimensione testo a 18 pixel | Contrasto |
Ultimo aggiornamento: Lunedì 23 Aprile 2018
Ti trovi in: Home / Info Scientifiche / Ricerca Scientifica / Glaucoma, il killer silenzioso...

Titolo pagina: Glaucoma, il killer silenzioso della vista. Colpiti 1,2 milioni di italiani. Le nuove cure

L'esperto: un particolare tipo si può curare così come la cataratta. Tutte le nuove armi contro il glaucoma.

ROMA. Dalla cataratta al glaucoma, il tipo di cura può essere lo stesso. «La vera grande novità è poter curare il tipo di glaucoma 'ad angolo chiuso' con lo stesso intervento che si esegue per la cataratta», spiega infatti Stefano Miglior, direttore della Clinica Oculistica, Policlinico di Monza, Università Milano Bicocca e presidente del II Congresso Internazionale dell'Associazione Italiana per lo studio del glaucoma (AISG), in corso a Milano fino al 17 marzo, durante la Settimana Mondiale dedicata dall'Oms a questa patologia.

GESTIRE IL GLAUCOMA IN MODO RISOLUTIVO.
«Con la facoemulsificazione si può gestire spesso in modo risolutivo il glaucoma ad angolo chiuso e addirittura dire addio ai farmaci – sottolinea l'esperto – poiché rimuovendo, come si fa per la cataratta, il cristallino che continua a crescere, si permette all'angolo irido-corneale di rimanere aperto. Si tratta di un killer silenzioso della vista perché molte persone non si accorgono di averlo per lungo tempo e arrivano dall'oculista quando la situazione è già fortemente compromessa».

IL GLAUCOMA.
E' una patologia degenerativa che coinvolge entrambi gli occhi: quando la pressione intraoculare si alza troppo, questa determina danni permanenti al nervo ottico, portando a ipovisione e cecità. Il soggetto può andare incontro a una progressiva riduzione del campo visivo fino alla visione cosiddetta 'tubulare' che dà l'impressione di guardare attraverso un cono, perché si riesce a vedere solo una piccola parte di ciò che si ha davanti. Ne esistono numerose forme, le più frequenti sono: glaucoma cronico ad angolo aperto, ad angolo chiuso e glaucoma congenito.

LO SI SCOPRE QUANDO E' TARDI.
«Ci si accorge tardi di avere la malattia, perché i danni iniziali sono diversi nei due occhi – spiega Gianluca Manni, direttore della Clinica Oculistica e del Centro glaucoma al Policlinico Universitario Tor Vergata, oltre che parte del consiglio direttivo AISG – ed essendo la nostra visione binoculare, non realizziamo subito di avere un difetto. I pazienti perdono così autonomia e autosufficienza, senza spiegarsi il perché, mentre si accorgono di non essere più in grado di fare cose semplici, come per esempio attraversare la strada da soli. Sono soggetti a cadute nel 45% dei casi, che determinano infortuni per il 33% e depressione (11%) a causa delle conseguenze sulla loro vita sociale, come per esempio l'isolamento».

SI POTEVA SOLO RALLENTARE.
Fino a oggi, non erano state sperimentate cure risolutive per guarire dal glaucoma, ma solo per rallentarlo. Ne soffrono 1 milione 200 mila persone in Italia (120 mila solo nel Lazio), 55 milioni nel mondo e si stima che potrebbero superare i 65 milioni nel 2020. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, il 50% dei pazienti non sa di averlo perché si arriva tardi alla diagnosi. A essere più colpiti sono gli anziani dai 60-65 anni ma il glaucoma può insorgere già a partire dai 40. Durante il congresso, organizzato dalla società Formazione ed Eventi guidata da Isabella Palombo, sono state esaminate tutte le novità in campo terapeutico per rallentare l'evoluzione della malattia. Per la diagnosi precoce «sono oggi a disposizione nuove metodiche non invasive come gli Oct e gli Angio Oct (Tomografia a Coerenza Ottica) - spiega Miglior - che esaminano la papilla ottica, lo strato delle fibre nervose retiniche e la circolazione ematica retinica e papillare, in modo da ottenere informazioni sempre più accurate. Utile è anche lo 'Yag' laser con cui si esegue la cosiddetta 'trabeculoplastica selettiva' – continua l'esperto – una stimolazione delle cellule pigmentate del trabecolato (la parte dell'angolo irido corneale che elimina l'umore acqueo dall'occhio) che ne riattiva la normale funzione e facilita quindi il deflusso dell'umore acqueo attraverso la sua parete».

I NUOVI MEZZI.
Ci sono poi i nuovi device chirurgici come i MIGS (Minimally Invasive Glaucoma Surgery). «Piccolissime 'cannule' che vengono impiantate nel canale di Schlemm, normalizzano la pressione intraoculare e facilitano il passaggio dell'umore acqueo attraverso una parete interna del trabecolato - spiega ancora il professore - sono strategie chirurgiche che permettono di eseguire l'intervento in pochi minuti, ma costano molto e i risultati sono modesti». Per quanto riguarda invece la terapia medica, «tra qualche tempo potrebbe essere introdotta una nuova classe di molecole, le cosiddette Rho-Kinasi - annuncia Miglior - la cui efficacia però non sembra essere superiore ai derivati delle Prostaglandine che costituiscono la prima linea nel trattamento del glaucoma».
«Si tratta di strumenti specifici molto efficaci - sottolinea Luciano Quaranta, direttore del Centro di studio del glaucoma dell'Universita' degli Studi di Brescia - sebbene ancora oggi il 'gold standard' resti l'esame del campo visivo che rileva la reazione del paziente di fronte a determinati stimoli luminosi, dando così indicazione sull'evoluzione della malattia e sulla velocità alla quale sta procedendo».


Articolo tratto da "Diario del Web"

19 Marzo 2018

Versione stampa