Proseguendo la navigazione in questo sito, acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori informazioni, clicca su Informativa Europea. Accetto Salta il menu e vai ai contenuti

Retina Italia Onlus / Sede territoriale Toscana

Cerca nel sito

Cerca nel sito

Dimensioni del testo

Dimensione testo a 14 pixel Dimensione testo a 16 pixel Dimensione testo a 18 pixel | Contrasto |
Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Ottobre 2017
Ti trovi in: Home / Info Scientifiche / Ricerca Scientifica / Una retina artificiale ...

Titolo pagina: Una retina artificiale molto soffice

All'UniversitÓ di Oxford hanno messo a punto un prototipo di retina artificiale, fatta con un gel a base di acqua, che Ŕ biocompatibile con i tessuti dell'occhio.

OXFORD. Un team di scienziati dell'UniversitÓ di Oxford ha sviluppato una retina artificiale ultra morbida, che in teoria pu˛ alloggiare nel bulbo oculare senza problemi di rigetto. Per ora il prototipo Ŕ capace di imitare le funzioni della controparte biologica il modo rudimentale, ma in futuro potrebbe ripristinare la vista alle persone colpite da retinite pigmentosa. Lo studio Ŕ stato pubblicato su Scientific Reports.

COM'╚ FATTA LA RETINA ARTIFICIALE.
La retina Ŕ stata sviluppata combinando un materiale biocompatibile a base d'acqua (idrogel) con una proteina sensibile alla luce, isolata da un microrganismo riconducibile al regno degli archibatteri. L'intento Ŕ di simulare il lavoro dei fotorecettori che all'interno dell'occhio convertono la luce in un segnale elettrico per il cervello.

SOFFICE ╚ MEGLIO.
La biochimica Vanessa Restrepo-Schild, dell'UniversitÓ di Oxford, ha spiegato che l'occhio umano Ŕ estremamente sensibile ai corpi estranei. Per questo motivo le retine artificiali che contengono metalli "possono essere dannose, causano infiammazioni e/o cicatrici". Al contrario, un impianto soffice che ha come ingrediente chiave l'acqua "Ŕ molto pi¨ amichevole per l'ambiente oculare".

╚ ANCORA PRESTO PER L'OCCHIO BIONICO.
Al momento la membrana creata da Restrepo-Schild e colleghi somiglia a una griglia a 16 pixel e le sue "cellule" di idrogel riescono a imitare alcune semplici funzioni di una retina naturale. I test di laboratorio hanno dimostrato che il dispositivo Ŕ in grado di registrare immagini semplici e statiche, rigorosamente in scala di grigi. Si tratta comunque di un inizio incoraggiante.

LA RICERCA CONTINUA.
Quello del gruppo di Oxford non rappresenta un tentativo isolato. Di recente, una squadra capeggiata dall'Istituto Italiano di Tecnologia ha testato con successo la propria retina artificiale, che in un modello animale Ŕ stata in grado di rimpiazzare i fotorecettori degenerati per un periodo di oltre 10 mesi.


Articolo tratto da "La Nazione"

15 Maggio 2017

Versione stampa